Micobatteriosi nei pesci d’acquario

Traduzione di Mycobacterioris in Aquarium Fish Plants di Diana Walstad (versione maggio 2017).

0
1705

Questa è la traduzione dell’articolo Mycobacteriosis in Aquarium Fish di Diana Walstad, inizialmente pubblicato nel 2009, nella sua versione attualmente più aggiornata di Maggio 2017.
L’originale, in Inglese, è disponibile per il download sul sito web dell’autrice.

Si ringrazia vivamente la dottoressa Walstad per aver permesso la traduzione e la pubblicazione dell’articolo!


Micobatteriosi nei pesci d’acquario

Nell’estate del 2004, per vent’anni avevo allevato e riprodotto pesci arcobaleno senza alcun problema.
Dopo aver aggiunto quattro nuovi pesci ad un acquario, uno dopo l’altro questi pesci sono morti nel giro di sei mesi.
Quando i sintomi sono comparsi sugli altri compagni di vasca, pesci che ho allevato sin da quando erano nell’uovo e che sapevo essere in salute, ho iniziato a sospettare di una malattia infettiva.

Un veterinario specializzato nelle malattie dei pesci  ha esaminato due pesci, i cui unici sintomi erano delle piccole erosioni attorno alla bocca.

Sintomi micobatteriosi pesci
Sintomi della micobatteriosi. Le ulcerazioni che si vedono attorno alla bocca di questo P. scalare sono simili a quelle che ho visto nei miei pesci arcobaleno a cui era stata diagnosticata una micobatteriosi. (Foto di Stan Chung)

L’esame istologico ha mostrato che gli organi interni di entrambi i pesci erano crivellati di granulomi contenenti batteri acido-resistenti.
I miei pesci avevano la micobatteriosi – una comune malattia batterica di pesci e rettili, incurabile. Angosciante!
I miei pesci stavano per morire tutti.

La micobatteriosi (MB o tubercolosi dei pesci) è considerata la prima fra le malattie croniche dei pesci d’acquario [4]. È stata documentata per la prima volta su una carpa, nel 1897.
Nel corso degli anni, la malattia non si è placata, causando metà delle morti di pesci per cause sconosciute. Poiché i pesci non mostrano sintomi costanti o distintivi, gli acquariofili sottostimano la sua diffusione.
Se un pesce appena acquistato smette di mangiare e muore dopo poche settimane o mesi, molti non sospetterebbero la micobatteriosi (e ancora di più non saprebbero di cosa si tratti!).
Oltre a questo, la micobatteriosi cronica indebolisce il sistema immunitario dei pesci rendendo il pesce altamente vulnerabile a tutte le altre malattie.
Mi chiedo quanti acquariofili abbiano attribuito la morte dei loro pesci ad altri patogeni, quando il problema sottostante era una micobatteriosi cronica…

Episodi di micobatteriosi sono stati riportati in laboratori scientifici pulitissimi, in zoo, in allevamenti commerciali di pesci, in laghetti etc.
I pesci in natura possono ammalarsi e si ammalano. Tuttavia la micobatteriosi è un problema molto più comune nei pesci d’acquario che nei pesci in natura [20].
Se tutto va bene, questo articolo aiuterà gli acquariofili e gli allevatori a tenere lontana la malattia dai loro acquari e – nel caso i pesci dovessero infettarsi – gestire il problema in maniera più efficace.