Esclusivo: scoperta nuova specie!

1
784

In questa scheda vogliamo condividere i risultati di uno studio che presenta al mondo una nuovissima specie, mai vista prima.

Per prima cosa vedremo come si è giunti alla scoperta della specie, dopodiché produrremo una breve scheda riassumendo i risultati ottenuti.

Alla scoperta di una nuova specie

La scoperta è riassunta in uno studio pubblicato dall’equipe della dottoressa Thysa Lye, dell’Indipendente Università del Sol Levante di Yokohomo.
Questo studio sarà pubblicato su una prestigiosa rivista del settore, tuttavia, in attesa di risultati definitivi, il team sta postponendo la pubblicazione ufficiale.

Vi proponiamo, quindi i risultati finora ottenuti, con i dati raccolti e le esperienze maturate.

I dati sono stati riportati nell’ordine in cui sono stati mano a mano pubblicati.

Habitat di rinvenimento

La spedizione è partita dalla foresta di bambù di Arashigano e Sayama, un’area naturale protetta circa a due terzi del Giappone.

Gli habitat sono piccoli corsi d’acqua…

Tadasu no mori

… che si uniscono e diventano corsi più consistenti

Togetsukyo Bridge

… fino a sfociare nel mare.

Il clima è sereno e mite, le temperature piacevoli. La brutta stagione è passata. L’aria è frizzante.
Le acque sono CCS (clear-cool-soft), secondo la classificazione Stonark. Questo equivale ad acque povere di tannini, con temperature comprese tra i +5 e i +20°C e durezze basse.

Le località di rinvenimento sono registrate in maniera accurata, grazie all’unione dei sistemi di posizionamento e al tracciamento delle reti 5G.

Nel dettaglio, la specie è stata ritrovata in un habitat, localizzato precisamente con uno scarto inferiore a 1000 里 dalle coordinate 4P16E [43.14159265359, 162.71828182846].

Sono stati raccolti alcuni esemplari per effettuarne la descrizione. Gli esemplari sono stati successivamente allevati in acquario, in quanto si tratta di una specie molto particolare e di aspetto peculiare.

Nella prossima pagina abbiamo riassunto sotto forma di scheda le esperienze ottenute.

1
2
Diego Zennaro
Ho acquari in giro per casa da sempre, mi piace sperimentare, confrontare e, soprattutto, diffondere quello che ho trovato. Cerco sempre di comprendere i motivi per cui si fanno le cose e spero di trasmettere questo anche negli articoletti che scrivo :) Nel frattempo, provo a far diventare rossa qualche pianta e a cercarne sempre di nuove o particolari. Prima o poi riuscirò pure a posizionarle in maniera graziosa. Ultimamente i discus mi hanno un po' distratto da questa ricerca.