Trattamento dei pesci affetti da Camallanus e altri Nematodi

Traduzione di Treating Fish for Camallanus and Other Nematodes di Diana Walstad (versione dicembre 2017).

0
3613

I vermi Camallanus

I Camallanus sono parassiti intestinali (vermi cilindrici, nematodi) associati ai guppy e ad altre specie vivipare, ma che possono colpire tutti i pesci. Numerose specie di Camallanus sono presenti negli ambienti naturali; ad esempio C. oxycephalus è stato trovato in pesci gatto, Lepodomis, Pomoxis, persici trota etc in un laghetto dell’Oklahoma [2].
La stessa specie di parassita è stata trovata in Lepodomis, Pomoxis, persici trota etc in un lago dell’Ohio [3] e nelle stesse specie in una riserva dell’Arkansas [4].
Nel frattempo, ricercatori hanno scoperto che i Camallanus affliggevano lucci e spinarelli nella Germania settentrionale [5] e pesci nativi nella Cina centrale [6].

C. cotti è stato osservato per la prima volta in pesci d’acqua dolce in Giappone, nel 1927, ma da allora si è diffuso in tutti i continenti e minaccia le specie native di pesci. Questo fastioso nematode è ora endemico in vivipari selvatici nei corsi d’acqua delle Hawaii [7] e nei guppy selvatici del Crocodile River, in Sudafrica [8].
Poiché si trasmette direttamente da pesce a pesce [9], C. cotti è particolarmente problematico per il commercio di pesci d’acquario. (Le altre specie di Camallanus richiedono la presenza di un ospite intermedio, solitamente un uccello o un crostaceo; la trasmissione della malattia a pesci non infetti è bloccata una volta che i pesci sono trasferiti in un centro o in un acquario dove gli ospiti intermedi sono assenti).

Camallanus cotti
Camallanus cotti. I vermi adulti qui visibili sono lunghi circa un centimetro e hanno estremità appuntite. Foto gentilmente fornita da Charles Harrison.

Le infezioni da C. cotti sembrano essere relativamente comuni nei guppy d’importazione. Ad esempio, dei ricercatori australiani hanno campionato 37 spedizioni di pesci; 10 pesci sono stati presi da ogni spedizione di 2000-6000 pesci. Delle 8 spedizioni di guppy provenienti da Singapore, tre erano infette da C. cotti. Al contrario, non c’era alcun parassita nelle 29 spedizioni di platy, neon, cardinale etc [10].

Un’indagine separata in 8 allevamenti coreani ha identificato C. cotti nel 14% dei 153 guppy esaminati mentre non è stato trovato in scalare, tetra neri, molly, platy, portaspada etc [11].
La mortalità dei guppy è arrivata, in un allevamento coreano, quasi al 30% [12]. Le prove suggeriscono che l’origine dell’infezione provenisse da guppy importati dall’Indonesia.

I farmaci più comuni ed efficaci contro i Camallanus sono il Fenbendazolo e il Levamisolo [13]. Il Fenbendazolo si aggiunge al cibo; il Levamisolo può essere aggiunto indifferentemente al cibo o all’acqua. Entrambi i principi attivi sono specifici contro i vermi cilindrici e hanno un ampio margine di sicurezza.