Sicurezza elettrica in acquario

Acqua e corrente elettrica non vanno molto d'accordo...

0
949

Messa a terra dell’acquario

In questa breve appendice discutiamo brevemente sull’opportunità di collegare a terra l’acquario, per mezzo di un elettrodo, collegato poi all’impianto di terra dell’abitazione.

Si potrebbe, infatti, pensare di mettere a terra l’acquario inserendo un cavo in acqua, collegandolo poi al contatto di terra di una presa.
Spesso, tali apparecchiature vengono costruite industrialmente, usando sonde di metalli preziosi (come il titanio) e vengono pubblicizzate come necessarie per eliminare le dispersioni di corrente.
In caso di guasto in acquario, la presenza di tali cavi o sonde fornirebbe un percorso a terra, facendo scattare l’interruttore differenziale.

Sonda messa a terra acquario.
Sonda di messa a terra per acquari, in titanio.

Questa operazione presenta alcune problematiche:

  • l’elettrodo, permanentemente in vasca, può rilasciare metalli pesanti, come rame, alluminio o zinco, tossici per gli animali acquatici (non applicabile in caso di sonde in titanio o altri materiali non tossici);
  • in caso di dispersioni, ovvero quando si sente una piccola scossa mettendo le mani in acqua (come quelle che si prendono chiudendo le portiere delle automobili), c’è qualche apparecchio che non funziona bene e potrebbe stare per rompersi: mettere la messa a terra può addirittura mascherare un danno che si sta aggravando;
  • in seguito ad un guasto vero e proprio, gli ospiti dell’acquario verrebbero attraversati dalla
    corrente elettrica, passante dal punto di guasto all’elettrodo di terra.
    Questo li ucciderebbe, cosa che non accade se non c’è la messa a terra.

Oltre a questi inconvenienti, tale soluzione di per sé non risolve niente: si limita a far scattare il salvavita, ma il guasto rimane.
In ogni caso, è comunque necessario procedere alla sostituzione degli apparecchi danneggiati.

Non mettendo a terra la vasca, in caso di guasto ce ne accorgeremmo durante le normali ispezioni e senza correre alcun rischio, poiché abbiamo staccato le spine, il tutto senza aver messo a repentaglio la vita dei nostri amici acquatici.


Crediti

Immagine folgorazione piede: By Stefan Reitzner Xy01 – Self-photographed, CC BY-SA 2.0 de, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=12475113
Immagine puntazza di messa a terra: CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=651579
Immagine fusibili: CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=79668

1
2
3
4
5
6
7
Diego Zennaro
Ho acquari in giro per casa da sempre, mi piace sperimentare, confrontare e, soprattutto, diffondere quello che ho trovato. Cerco sempre di comprendere i motivi per cui si fanno le cose e spero di trasmettere questo anche negli articoletti che scrivo :) Nel frattempo, provo a far diventare rossa qualche pianta e a cercarne sempre di nuove o particolari. Prima o poi riuscirò pure a posizionarle in maniera graziosa. Ultimamente i discus mi hanno un po' distratto da questa ricerca.