Mystus leucophasis

0
202

Mystus leucophasis, conosciuto anche come pescegatto asiatico gigante sottosopra, è un pescegatto asiatico, classificato da Edward Blyth nel 1860.

Il nome del genere deriva dalla parola greca mystax che significa baffi, in riferimento ai lunghi baffi che caratterizzano le specie del genere Mystus. Il nome della specie – leucophasis – invece, deriva dalla parola latina leuco (bianco) + la parola greca phasis (apparire, risplendere), e deriva dalle chiazze bianche che spiccano ai fianchi di questa specie, dal corpo completamente nero.

In passato è stato classificato anche come Bagrus leucophasis, Heterobagrus leucophasis e Macrones leucophasis.

Habitat di Mystus leucophasis

Mystus leucophasis è diffuso nel Myanmar (Birmania) dove abita in molti fiumi, in particolare nel fiume Sittaung, uno dei fiumi principali.

Sittaung in Myanmar.
Myanmar (Birmania) con evidenziata l’area del bacino del Sittaung.

Questo fiume è ricco di vegetazione, sia per quanto riguarda le foreste che lo circondano sia per la vegetazione sommersa. Questa parte dell’Asia è soggetta a precipitazioni abbondanti.

Aspetto e dimorfismo sessuale

Il corpo di Mystus leucophasis è piuttosto robusto.

Mystus leucophasis

 

Le pinne pettorali sono allungate e semi-appuntite all’estremità; la pinna dorsale è anch’essa di forma allungata, curva e semi-appuntita all’estremità; la pinna adiposa è piuttosto schiacciata e ampia; le pinne pelviche sono ampie e arrotondate e la pinna anale è piuttosto stretta e spesso si protrae all’indietro.

La coda, molto possente, è di forma ampia e biforcuta, ed è dotata, nella parte superiore, di un filamento carnoso dalla forma quasi arricciata.
I suoi occhi sono molto grandi e sviluppati e servono per vedere più facilmente al buio.
La sua bocca è molto grande ed è circondata da otto baffi, due più piccoli sopra, quattro più piccoli sotto e due ai lati della bocca che sono molto carnosi e estremamente lunghi, arrivando a superare la lunghezza dell’intero corpo, e costituiscono un elemento letteralmente vitale per questa specie (su questo aspetto approfondiremo più avanti).

Il corpo è del tutto nero, soprattutto da giovane, per poi sbiadire sul grigio scuro una volta adulto, fatta eccezione per alcune macchie bianche poste sui fianchi.

Assieme al Synodontis nigriventris, è uno degli unici due pesci conosciuti a trascorrere tutta la sua vita a pancia in su.
Ha ritmi di crescita molto rapidi e raggiunge una lunghezza di circa 30 cm.

Particolarità

Mystus leucophasis, come già detto in precedenza, trascorre tutta la sua vita capovolto e pare non essere in grado di nuotare diversamente.
M. leucophasis deve aver evoluto questo comportamento per le stesse ragioni di Synodontis nigriventris, ossia per sostare più comodamente al di sotto di tronchi o pietre sommerse e per nutrirsi in superficie o sotto il fogliame. Tuttavia M. leucophasis ha affinato questa caratteristica rendendola “irreversibile”, contrariamente a S. nigriventris che, all’occorrenza, è perfettamente in grado di nuotare normalmente (nonostante anche questa specie passi buona parte della vita sottosopra).

Mystus leucophasis

I baffi vengono utilizzati come importante organo di senso e vengono mossi di continuo per percepire ostacoli e cibo. Anche il filamento arricciato posto sulla parte superiore della coda (che, a causa del nuoto inverso viene portato nella parte inferiore) pare avere la stessa funzione sensoriale.

I suoi baffi, nonostante ciò, sono anche la sua condanna. Se, per disgrazia, si rompe anche un solo baffo, questa specie non è più capace di equilibrare i suoi momenti e non è più capace di ricercare il cibo, andando incontro a una morte lenta dovuta alla fame e alle lesioni procurate dai continui sfregamenti contro ciò che lo circonda. Infatti i baffi, essendo molto robusti e di grandi dimensioni, hanno tempi di rimarginazione così lunghi da condurre il pesce a morte certa.
L’esemplare che allevai tempo fa morì esattamente a causa della rottura di un baffo.

È fondamentale quindi non inserire in vasca arredi dotati di zone acuminate o fessure strette in cui questa specie possa disgraziatamente procurarsi problemi di questo tipo.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale è piuttosto semplice da osservare, dato che i maschi posseggono una papilla genitale allungata e visibile, posta davanti alla pinna anale e sono più snelli e di lunghezza minore.
Le femmine risultano essere più grandi, con una forma del corpo più grossa e arrotondata.

Comportamento di Mystus leucophasis

È una specie imprevedibile, dal carattere mutevole (soprattutto da esemplare a esemplare), estremamente territoriale e potenzialmente pericolosa per i compagni di vasca di dimensioni relativamente piccole.

Risulta difendere in maniera molto aggressiva la sua tana o comunque la zona in cui sosta, attaccando chiunque invada il suo territorio.

È altamente infastidito dalla luce ed è completamente notturno.
Di giorno è solito stare in un luogo riparato o ombroso.

Mangia i compagni di vasca abbastanza piccoli da entrargli in bocca ed è intollerante nei confronti dei suoi simili a meno che la vasca non sia sufficentemente grande.

Riproduzione di Mystus leucophasis

Non si hanno ancora notizie in merito a riproduzione in cattività. Tuttavia è una specie allevata in massa negli allevamenti a fini commerciali, ma non si hanno dati di riproduzione in vasca privata.

Alimentazione di Mystus leucophasis

Specie per niente schizzinosa, accetta un ampia gamma di cibi: larve di chironomidi, lombrichi, cozze e vongole, gamberi, pesci come latterini e anche cibo in pastiglie proteiche.

Va alimentato preferibilmente a luce spenta e facendo cadere il cibo accanto alla tana.
È molto probabile che in natura si nutra di larve e pesci di piccole dimensioni.

Allestimento per Mystus leucophasis

Il fondo può essere scelto in base alle esigenze degli altri ospiti della vasca, anche se un fondo sabbioso è sicuramente la scelta più adatta. Sono graditi grossi tronchi al di sotto dei quali possa sostare oppure grosse tane in PVC o terracotta da utilizzare come riparo.

Possono essere utilizzate piante, sopratutto galleggianti per schermare la luce, oltre alle classiche epifite.

In linea di massima è utile lasciare molto spazio libero per il nuoto.

Per la vasca, ne serve una dai 120 ai 200 cm di lunghezza, in base a quali compagni di vasca si scelgono (misure maggiori sono preferibili).

Valori chimico-fisici

Specie molto resistente a un ampia gamma di valori. i principali parametri da controllare sono:

  • pH tra 6.5 e 7.5
  • durezza temporanea tra i 3 e gli 8 dKH
  • durezza totale tra i 6 e i 16 dGH
  • temperatura compresa fra i 23 e 27 °C

Non necessita di acqua né particolarmemte acida né particolarmente dura o tenera e si consiglia di allevarlo con un pH di 6.5-7 (tenendo sempre conto delle esigenze dei compagni di vasca).

Coinquilini per Mystus leucophasis

Può essere abbinato a grosse comunità di pesci asiatici di dimensioni medio grosse come alcune specie di Ciprinidi (come Barbonymus schwanenfeldii o Dawkinsia filamentosa) Balantiocheilus, Osphronemus goramy, Chitala chitala ecc.

Vanno assolutamente evitate specie di fondo territoriali.

Mystus leucophasis

Mystus leucophasis e Synodontis nigriventris

In commercio queste due specie possono essere confuse da un occhio inesperto, dato che il nuoto inverso trae in inganno.

Tuttavia ci sono un paio di differenze evidenti tra i due:

  • dimensioni: 30 cm da adulto per M. leucophasis e 10 cm da adulto per S. nigriventris;
  • colore: completamente nero con chiazze bianche sui fianchi per M. leucophasis e marroncino con diverse variegature per S. nigriventris.

Bibliografia e Crediti

Jayaram, K. C., Anuradha S., 2003, A taxonomic revision of the fishes of the genus Mystus Scopoli (Family: Bagridae). Rec. zool. Surv. India, Occ. Paper No. 207: 67-69. (Published by the Director, Zool. Surv. India, Kolkata).

Mystus leucophasis su Seriouslyfish

Mappa [modificata]: Di TUBS – Opera propria. Questa immagine vettoriale include elementi che sono stati presi o adattati da questa: World location map (W3).svg (di TUBS)., CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=15387235