Manutenzione e problemi comuni dei filtri per acquario

Come mantenere i filtri in buono stato e risolvere i problemi più comuni.

0
2171

Altri problemi con i filtri per acquario

Segue una carellata dei problemi più comuni, con relative soluzioni, dei filtri per acquario.

Eccessivo movimento d’acqua

Un problema frequente è l’eccessivo movimento d’acqua, che può far piegare le piante o addirittura dar fastidio ai pesci, che sembrano affannarsi per nuotare contro-corrente.

Per risolverlo si può innanzitutto provare a ridurre la portata della pompa, agendo sull’apposita leva o rubinetto; se non basta o la pompa non è regolabile si possono adottare varie soluzioni.

La soluzione più semplice è quella di dirigere l’uscita del filtro verso un vetro, anche usando un gomito: il movimento d’acqua sarà ancora abbastanza rilevante ma non investirà direttamente le piante o i pesci.

Un’altra soluzione può essere quella di usare una cosiddetta spray-bar, ovvero un tubo forato, da collegare all’uscita del filtro; il flusso d’acqua sarà così diviso in tanti piccoli getti: avremo la stessa
portata ma divisa su una superficie maggiore.

Filtro spraybar
Lo stesso filtro, con la stessa portata, senza e con spray-bar.

La velocità dell’acqua sarà quindi inferiore e darà meno fastidio a piante e pesci.

Se non fornita di serie con il filtro come quella dell’immagine qua sopra, è possibile costruirsi facilmente una spray-bar forando un tubo di plastica o di gomma e tappandone l’estremità.

Gorgoglii dal filtro

Talvolta può accadere di sentire dei gorgoglii provenienti dal filtro: la pompa aspira aria.

Se si ha un filtro interno, non arriva acqua alla pompa: molto probabilmente una pulizia dei primi materiali filtranti e della girante risolverà il problema.
Meglio verificare anche le prese di aspirazione: potrebbero essere intasate da foglie o altri detriti.
Controlleremo anche il livello dell’acqua, specialmente con le black-box: di norma è indicato un livello minimo sotto alle quali non possono funzionare.

Livello minimo acqua filtro
Solitamente sui filtri è indicato un livello minimo dell’acqua per non avere problemi.

Se si ha un filtro esterno, probabilmente un po’ d’aria è rimasta intrappolata al suo interno; avviene di solito al primo avvio o appena dopo la pulizia. In tal caso sarà sufficiente inclinare leggermente il filtro per far sì che la pompa riesca ad aspirare le bollicine e farle uscire: in breve tempo la situazione dovrebbe tornare alla normalità.

In entrambi i casi (filtro interno od esterno), se si somministra anidride carbonica, eviteremo di inserirla prima dei materiali filtranti: può accadere con un diffusore a setto poroso posizionato davanti alle prese del filtro; oppure con un sistema Venturi sul tubo di aspirazione o direttamente sulla pompa.

Oltre a danneggiare i batteri nel filtro, l’anidride carbonica può accumularsi e dare problemi alla pompa.

Blackout

In caso di mancanza di corrente, il filtro non può funzionare.

Se l’interruzione della fornitura dura fino a qualche ora, quasi certamente non avremo alcun problema: basta mantenere i materiali filtranti in acqua, dove stanno, senza toccarli.
Se l’interruzione si protrae per un giorno o più, potremmo avere problemi; questi saranno tanto minori quanto più l’acquario sarà maturo, poiché i batteri saranno insediati anche in tutto il resto dell’acquario e non solo nel filtro.

Candela
In caso di blackout…

In tale sfortunata evenienza, potremo limitare i danni cercando di non somminsitrare cibo ai pesci, riducendo, così il carico organico.

Si può anche provare ad ossigenare i batteri nel filtro; con un filtro interno, ad esempio, potremmo aspirare dell’acqua dall’acquario e spruzzarla nel filtro con una grossa siringa.
La soluzione non è molto praticabile, ma male non fa.

Sarà comunque necessario, al ritorno dell’energia elettrica, tenere monitorata la situazione: faremo caso, in particolare, ad eventuali segni di difficoltà di respirazione nei pesci (respiro accelerato, boccheggiamento in superficie); è possibile, infatti, che si verifichi un nuovo più o meno grande picco di nitriti, poiché il ciclo dell’azoto deve ripartire.

1
2
3
Diego Zennaro
Ho acquari in giro per casa da sempre, mi piace sperimentare, confrontare e, soprattutto, diffondere quello che ho trovato. Cerco sempre di comprendere i motivi per cui si fanno le cose e spero di trasmettere questo anche negli articoletti che scrivo :) Nel frattempo, provo a far diventare rossa qualche pianta e a cercarne sempre di nuove o particolari. Prima o poi riuscirò pure a posizionarle in maniera graziosa. Ultimamente i discus mi hanno un po' distratto da questa ricerca.