Luce, colori e bianco

Capiamo cosa sia la luce.

0
98

L’illuminazione in acquario, croce e delizia di ogni acquariofilo.

Croce quando si tratta di decidere che fonte luminosa usare, tra le quasi infinite in commercio, e quando si tratta di aprire il portafogli o caricare la prepagata.

Delizia quando queste luci ci consentono di avere un acquario più luminoso, con una resa dei colori migliore, magari risparmiando pure dell’energia elettrica!

Andiamo subito a vedere brevemente cosa sia luce, in maniera poi da poter capire le esigenze del nostro acquario.

Cos’è la luce?

Con luce solitamente intendiamo quelle radiazioni elettromagnetiche che sono visibili; immaginiamo quindi un qualcosa che si muova nello spazio e che sia percepibile dai nostri occhi.

I nostri occhi sono, infatti, in grado di percepire tutte le onde che hanno una lunghezza d’onda compresa tra i 380 e i 720 nanometri (nm) circa.

La lunghezza d’onda è una proprietà delle onde e indica la distanza fra due creste (punti più alti) o ventri (punti più bassi) dell’onda. Immaginate di misurare lo distanza fra due onde successive del mare: quella è la lunghezza d’onda. Lunghezza d'onda

 

Quindi le lampade e le altre fonti luminose in commercio sono degli apparecchi in grado di generare – con vari mezzi – delle onde elettromagnetiche con varie lunghezze d’onda.

I colori

Ad ogni lunghezza d’onda corrisponde un colore, come possiamo vedere nello schema qui sotto.

Lunghezze d'onda della luce
Lunghezze d’onda della luce visibile e dei vicini ultravioletti e infrarossi, con le lunghezze d’onda.

ESEMPIO: Il rosso corrisponde alle lunghezze d’onda attorno ai 700 nm, mentre ad una lunghezza d’onda di 550 nm corrisponde il colore verde.

Al di fuori dello spettro visibile abbiamo altre onde elettromagnetiche, come gli infrarossi, gli ultravioletti o i raggi X.

La luce bianca

Dallo schema sopra, si può vedere facilmente che non è indicata la luce bianca: ciò è corretto, poiché il bianco non è un colore.

Il bianco, infatti, è dato dalla miscela di tutti i colori, come possiamo vedere con esperimenti quali il disco o il prisma di Newton, che per primo riuscì a dimostrare questo fatto.

Prisma di Newton
Rappresentazione del prisma di Newton.

Come possiamo vedere nell’immagine qui sotto, la teoria dei colori (esiste pure questa!) ci dice che non sono necessari proprio tutti i colori, ma ne bastano già solo tre – rosso, verde e blu – per generare la luce bianca.

Questo non è un risultato da poco, basti pensare ai nostri schermi i quali, usando solo tre colori, riescono a generare tutti i colori!

Sintesi cromatica del bianco
Sintesi cromatica del colore bianco a partire da tre colori.

Pertanto, le lampade che generano una luce bianca emettono contemporaneamente più colori, la cui mescolanza viene da noi percepita come luce bianca.


Crediti

Immagine sulla lunghezza d’onda: Di Wavelength.JPG: L’utente che ha caricato in origine il file è stato Snowdog di Wikipedia in italiano derivative work: Harlock81 (talk) – Wavelength.JPG, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8003159
Immagine sullo spettro visibile: Di Fulvio314 – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=50181281
Immagine della miscelazione dei colori: By Quark67 – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=818982
Immagine del Prisma di Newton: CC SA 1.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=102872

Diego Zennaro
Ho acquari in giro per casa da sempre, mi piace sperimentare, confrontare e, soprattutto, diffondere quello che ho trovato. Cerco sempre di comprendere i motivi per cui si fanno le cose e spero di trasmettere questo anche negli articoletti che scrivo :)Nel frattempo, provo a far diventare rossa qualche pianta e a cercarne sempre di nuove o particolari. Prima o poi riuscirò pure a posizionarle in maniera graziosa. Ultimamente i discus mi hanno un po' distratto da questa ricerca.