LED in acquario

Scopriamo i LED in acquario!

0
10668

Quali e quanti LED mettere su un acquario?

Quali LED mettere su un acquario?

La base per l’illuminazione a LED di un acquario sono i LED bianchi, indicativamente con temperatura di colore attorno 5000 K, idealmente con una resa cromatica elevata, in modo da avere una luce di qualità con uno spettro abbastanza completo, con un unico tipo di LED.

Se piace la luce calda, è possibile anche usare solo LED a temperatura di colore più bassa, che funzionano bene specialmente con le piante galleggianti (prova personale, quindi è un’affermazione di valenza limitata).

Per gli allestimenti con piante più esigenti, è possibile installare LED di colore rosso/blu o full spectrum, particolarmente graditi alle piante, anche se in tal caso la resa realistica dei colori può risultare alterata.
In tal caso, è da osservare che i LED RGB o RGBW non hanno le frequenze giuste per le piante, dunque solitamente non rendono molto bene.

Quanti LED mettere su un acquario?

Abbiamo visto che un LED non ha né una potenza fissa né una resa fissa. Pertanto sarà necessario fare qualche semplice conto.
In particolare, nel caso dei soli LED bianchi sarà sufficiente sommare le rese in lumen e farne il rapporto rispetto alle dimensioni dell’acquario, in litri.

Tale rapporto – è bene specificarlo – è assolutamente indicativo, dunque va adattato caso per caso.
Ad esempio, se la colonna d’acqua è alta (diciamo sopra i 40 cm), sarà necessario aumentare un po’ il numero o la potenza dei LED.

Regola indicativa lumen/litro

In media, quindi, dovremo calcolare circa:

  • 15-30 lumen/litro per un acquario modestamente illuminato, ad esempio con acque scure o solo galleggianti o solo piante ombrofile o comunque poco esigenti;
  • 30-60 lumen/litro per un acquario mediamente illuminato, ad esempio con piante verdi o rosse poco esigenti;
  • 70-90 lumen/litro per un acquario ben illuminato, con piante rosse o verdi esigenti; con alcune specie potrebbe essere necessaria maggiore potenza.

Esempio: voglio illuminare il mio acquario da 90 litri con tubi a LED da 1500 lumen ciascuno, che consumano 15 watt ognuno.
Se metto due tubi a LED, ho in totale 3000 lumen, ovvero circa 30 lumen/litro. L’acquario sarà quindi mediamente illuminato.
Se di questi tubi ne mettessi quattro, avrei circa 65 lumen/litro, ovvero una vasca ben illuminata.

Se oltre ai LED bianchi vengono messi LED colorati, ad esempio: LED rossi, LED blu, LED verdi o LED full spectrum PAR, dovremo conteggiarli in maniera diversa.

Plafoniera artigianale LED
Esempio di una piccola sezione di una plafoniera artigianale in costruzione con LED bianchi e full spectrum ad alta potenza.

Poiché i LED colorati entrano malamente nel computo dei lumen (ad esempio, i LED rossi e blu quasi non emettono lumen, secondo la definizione), il consiglio è quello di basarsi sulla luce bianca, facendo l’usuale calcolo in lumen e poi aggiungere un 30-50%, in potenza, di LED colorati.

Esempio: riprendendo quello di prima, supponiamo di mettere due tubi bianchi da 1500 lumen ciascuno, ovvero 30 watt, e di volere aggiungere alcuni LED full spectrum PAR. Una buona potenza di LED di questo tipo può essere attorno ai 10 watt, ovvero un 30% circa rispetto alla potenza dei LED bianchi.

1
2
3
4
5
6
7
Ho acquari in giro per casa da sempre, mi piace sperimentare, confrontare e, soprattutto, diffondere quello che ho trovato. Cerco sempre di comprendere i motivi per cui si fanno le cose e spero di trasmettere questo anche negli articoletti che scrivo :) Nel frattempo, provo a far diventare rossa qualche pianta e a cercarne sempre di nuove o particolari. Prima o poi riuscirò pure a posizionarle in maniera graziosa. Ultimamente gli acquari di biotopo mi hanno un po' distratto da questa ricerca.